Lo Stagno del Diavolo

La piscina sopra le Cascate Vittoria

Avete mai sentito parlare dello Stagno del Diavolo ? Sapevate che in cima alle Cascate Vittoria, sull’orlo di un precipizio, a 110 metri di altezza nel vuoto, si trova la piscina naturale più pericolosa del Mondo ? E’ lo Stagno del Diavolo per l’appunto, e mai nome è stato più azzeccato.

Le cascate Vittoria si estendono per oltre un chilometro tra lo Zambia e lo Zimbabwe. Ovviamente il luogo, sia per la difficoltà nel raggiungerlo, sia per la pericolosità, è raggiungibile solamente con delle guide locali, le quali non perdono tempo a beffeggiarsi dei più timorosi nel salto nel vuoto, una esperienza che vi porterà ai limiti dell’adrenalina conosciuta.

victoriafalls05.jpg

Questa escursione è fattibile solo nel periodo di secca, quando il fiume Zambesi è abbastanza sicuro da permettere di poter sguazzare nel piccolo tratto d’acqua. La vista dalla cima della cascata, così come l’esperienza, il salto nel vuoto, rendersi conto di dove si è solamente dopo trovarsi dentro lo stagno, sono sensazioni incredibili e spettacolari che pochi luoghi al Mondo sono in grado di regalare. Raggiungere lo Stagno del Diavolo non è assolutamente facile, bisogna camminare per 3 ore salendo e scavalcando una roccia dietro l’altra, facendo attenzione a non scivolare sulla superficie scivolosa, cercando di non essere travolti dal flusso d’acqua.

Le cascate Vittoria vengono considerate una delle sette meraviglie del Mondo, furono scoperte nel 1855 dall’esploratore David Livingstone, che le ribattezzò dedicandole alla regina Vittoria.

email
Posted by on novembre 22, 2014. Filed under Africa. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>