Viaggi per disabili: Bologna

Vacanze accessibili a Bologna, Emilia Romagna

Pur non mancando di opere straordinarie, il vero tesoro di Bologna è dato dal suo “insieme”, dal complesso urbanistico, architettonico ed artistico che è all’origine della sua atmosfera antica ed accogliente, e che accompagna una tradizione di gastronomia e di cordiale ospitalità che ha meritato alla città una fama universale.

Itinerari da non perdere a Bologna

Piazza Maggiore

E’ il cuore di Bologna, dove sorgono la Cattedrale di San Petronio , il palazzo del Podestà e il palazzo Comunale .
Sulla destra di San Petronio si trova il Palazzo medievale dei Notai , costruito tra il XIV e il XV secolo.
Sul lato Est della piazza è situato il Palazzo Banchi , progettato dal Vignola nel 1568

Italia Bologna

Cattedrale di San Petronio

E’ il monumento più importante di Piazza Maggiore, una delle più significative creazioni dell’architettura gotica italiana.
Iniziata nel 1390 da Antonio di Vincenzo, fu terminata nel XVII secolo.
Il rivestimento marmoreo della facciata, cominciato agli inizi del XV secolo dal senese Iacopo della Quercia e ripreso più volte, è rimasto incompiuto nella parte superiore, ancora oggi in mattoni.
Il portale centrale, considerato un capolavoro del primo rinascimento, è adorno di bassorilievi e sculture di Iacopo della Quercia.
L’interno, di forme maestose e atre navate, presenta volte ogivali su pilastri e ampie campate.
Nelle cappelle laterali si trovano numerose opere d’arte.
L’accesso da Piazza Galvani (sul retro) non presenta particolari problemi: il fondo è in lastroni ben connessi e ci si trova in una zona pedonale.
L’interno, in piano, è accessibile senza problemi; per raggiungere lo spazio informazioni e vendita cartoline si incontrano invece tre gradini piuttosto alti.

Chiesa di San Francesco

La chiesa, situata nell’omonima piazza, fu edificata dai francescani tra il 1236 e il 1263, in forme gotiche di tipo francese, con abside con cappella a raggera.
Danneggiata durante la seconda guerra mondiale, fu restaurata nel 1949.
La facciata, in stile romanico, è caratterizzata dalla cuspide e dal protiro che precede il portale.
Dal fianco si sporge la quattrocentesca cappella di San Bernardino, in stile tardo-gotico.
Il campanile più basso è del 1260; l’altro, di Antonio di Vincenzo, è del 1402.
L’interno, dagli elementi architettonici tipici del gotico transalpino, è a tre navate senza transetto, con ampio coro, ambulacro, cappelle radiali e volte ogivali.
Lo spiazzo rialzato antistante la chiesa è provvisto di scivolo sia di fronte all’ingresso principale sia in corrispondenza di via De’ Marchi.
L’accesso secondario non presenta dislivelli.
Le entrate che si aprono sulla facciata della chiesa presnetano due gradini; esiste un ingresso secondario in Piazza Malpighi caratterizzato da gradini bassi in discesa.
L’interno si presenta in piano mentre il chiostro e la cappella laterale sono preceduti rispettivamente da uno e da due gradini.

Chiesa di Santa Maria dei Servi

Su strada Maggiore sorge la chiesa gotica di Santa Maria dei Servi, iniziata nel 1346, ingrandita tra il 1386 e il 1396 e completata agli inizi del XVI secolo.
E’ preceduta da un quadriportico dalle forme nobili, in parte quattrocentesco.
L’interno, a tre navate, conserva numerose opere d’arte: affreschi di Vitale da Bologna; polittico raffigurante Madonna in trono e Santi, di Lippo di Dalmasio; tavola con la Madonna in trono di Cimabue e, all’inizio del peribolo, il monumento a Gian Giacomo ed Andrea Grati, eseguito da V. Onofri nel Cinquecento.
In alcune sale del convento annesso sono conservati alcuni affreschi staccati, tra cui i Quattro Angeli di G. Reni.
Il porticato antistante la chiesa è in piano.
L’ingresso principale è caratteirizzato da un piccolo gradino, così come quello secondario su Strada Maggiore.
La navata centrale è in piano mentre le cappelle laterali presentano due gradini.

In collaborazione con www.disabili.com… Insieme oltre le barriere …
Le indicazioni contenute in queste pagine sono il frutto della collaborazione tra la redazione di DISABILI.COM e le strutture contattate. Ringraziamo la disponibilità della redazioni di disabili.com per averci dato la possibilità di utilizzare tutte le informazioni necessarie per dare un servizio completo ed affitabile.

email
Posted by on maggio 15, 2014. Filed under Consigli Utili. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Both comments and pings are currently closed.